Come coltivare lo scalogno senza imprevisti

0

Simile alla cipolla ma imparentato anche con l’aglio, lo scalogno è un ortaggio che puoi provare a far crescere nel tuo giardino o perfino sul balcone di casa. La procedura da seguire non è difficile: tutto quel che devi fare è seguire i consigli che stiamo per fornirti su come coltivare lo scalogno senza imprevisti.

Coltivare lo scalogno senza imprevisti: quando e come farlo

Prima di tutto, per coltivare lo scalogno senza imprevisti devi prestare attenzione alle temperature esterne, che non devono essere inferiori agli 8 gradi ma nemmeno superiori ai 10 gradi: ecco perché puoi iniziare a farlo nei primi giorni di primavera, in modo tale che in seguito – con l’arrivo dei mesi più caldi – le piante si possano sviluppare in condizioni ideali, quando le temperature sono superiori ai 15 gradi. Va detto, comunque, che la pianta si adatta bene a vari contesti e non ha esigenze specifiche: nel caso in cui tu non possa fare altrimenti, puoi anche piantarlo durante la stagione autunnale. Il terreno dovrebbe essere abbastanza fertile, un po’ sabbioso e il più possibile drenato: l’importante è che non sia troppo compatto né argilloso, anche perché per lo scalogno i ristagni idrici rappresentano un problema abbastanza significativo. Per lo stesso motivo, sia che la pianta si trovi in giardino sia che la pianta si trovi in un vaso è utile annaffiarla tutti i giorni ma senza esagerare con le quantità di acqua.

come coltivare lo scalognoSe vuoi essere certo di coltivare lo scalogno senza imprevisti in un orto, devi sapere che di solito esso viene considerato una pianta annuale. Avendo già provato a coltivare la cipolla o l’aglio, saresti avvantaggiato. Ogni bulbillo deve essere interrato al massimo a due o tre centimetri rispetto alla superficie del terreno, tenendo conto che tra l’uno e l’altro non devono esserci meno di dieci centimetri. Per rendere più semplici sia la raccolta che la coltivazione, servono almeno quaranta centimetri di distanza tra le file.

La coltivazione in vaso

Per coltivare lo scalogno senza imprevisti in vaso, puoi usare non solo i bulbilli, ma anche tutto l’ortaggio o solo le sue parti di scarto. Il vaso può essere rettangolare o di forma rotonda, a seconda di ciò che hai a disposizione, ma quello che conta è che non vengano piantati troppi bulbi: anche in questo caso tra le piantine è necessaria una distanza di non meno di dieci centimetri. Ora sei pronto per iniziare, non trovi?

Share.

About Author