Irrigazione del prato, i vari metodi

0

Il prato ha bisogno di continue cure soprattutto all’inizio, quando la crescita è in via di sviluppo. Con il tempo il mantenimento del tuo manto erboso diventa meno stressante, ciò che conta davvero e che non deve mai mancare è l’acqua. L’irrigazione è fondamentale, quando create il vostro prato, è importante di fatti realizzare al contempo anche un buon sistema d’irrigazione. Questo deve avere poche ma semplici accortezze, che si rivelano importanti per la durata di vita del prato. L’impianto per l’irrigazione deve essere studiato nel momento in cui si gettano le basi per la creazione del giardino e quindi del prato a questo complementare.

Gli stessi irrigatori devono essere collocali in determinati modi e predisporre il tipo d’irrigazione che si vuole ottenere; questo certo anche in base alle esigenze del luogo. Valutare bene il tipo di prato impiantato, se ci sono siepi e quali tipi nelle vicinanze e soprattutto, in base a queste condizioni, scegliere l’irrigazione più adatta. I negozi specializzati ormai ne vendono di diversi tipi: ci sono anche quelli con le angolazioni diverse in base alla giusta occorrenza.

La loro posizione di solito è prevista nella zona di perimetro del prato. Quando si usa un sistema d’irrigazione, è importante anche valutare la pressione dell’acqua di cui si usufruisce. Infatti, questo può spesso rappresentare un problema se si dispone di diversi irrigatori. Spesso la pressione dell’acqua se non è sufficiente, può ostacolare la giusta irrigazione destinata al prato. Può capitare, infatti, che alcune zone siano inumidite dall’acqua di più rispetto ad altre, questo può essere responsabile della presenza di disarmoniche zone secche, quelle ingiallite, rispetto ad altre più rigogliose e verdi.

Ricordarsi inoltre che è importante utilizzare irrigazioni dello stesso tipo per una buona e proporzionata distribuzione dell’acqua.

Scegliere il metodo per l’irrigazione è importante, bisogna valutare anche l’aspetto costoso del sistema da adottare. Considerate la grandezza del vostro giardino e o del vostro prato, oppure se ci siano due zone diverse di manti erbosi; in conformità a queste considerazioni decidete se preferite un sistema d’irrigazione manuale oppure automatico.

Quest’ultimo tramite il meccanismo di cui è dotato, permette di attivare l’irrigazione negli orari previsti lasciandovi liberi da tale incombenza. E’ utile se per esempio siete fuori casa e o se mancate per diversi giorni. Inoltre alcuni meccanismi moderni sono anche completati con un sensore pioggia: utile se ha piovuto copiosamente ed anche durante la stessa pioggia. Quello manuale invece consiste in un tubo che sarà aperto con un rubinetto generale il quale farà convergere l’acqua nelle diverse aree destinate all’irrigazione.

Share.

About Author