Peperoncino in vaso: come coltivarlo

0

Se ami i sapori forti ed hai il pollice verde sei nel posto giusto! In questo articolo spiegheremo come coltivare il peperoncino in vaso, una pratica non particolarmente complessa ma che richiede comunque qualche attenzione.

Il peperoncino può essere coltivato in vaso sul balcone o sul terrazzo, anche se alcune specie possono crescere anche in appartamento. Molto dipende dalle caratteristiche del peperoncino, poiché esistono oltre 80 specie di piante che hanno caratteristiche diverse.

Coltivare il peperoncino in vaso: quando e come iniziare

Generalmente il peperoncino si pianta nei primi mesi dell’anno, tra gennaio e marzo. Bisogna informarsi però sulle proprietà della pianta, poiché alcune varietà precoci possono essere piantate anche ad aprile.

I semi di peperoncino possono essere acquistati presso i negozi specializzati di giardinaggio. Per germogliare i semi necessitano di un determinato grado di umidità, che però non deve essere eccessiva altrimenti c’è il rischio che si creino delle muffe. È consigliabile usare un vaso dal diametro di 15 centimetri, dove piantare 4-5 semi ben distanziati tra di loro.

La semina deve aver luogo in un posto caldo, con una temperatura di circa 25-30°. Per evitare sbalzi di temperatura, che potrebbero danneggiare i germogli, è opportuno dotarsi di tappetini riscaldanti capaci di mantenere costante la temperatura.

La messa a dimora del peperoncino

Bisogna effettuare con estrema attenzione la messa a dimora del peperoncino, un’operazione piuttosto delicata da svolgere con cura. Innanzitutto è necessario bagnare un po’ il vaso dove ci sono le piantine, rendendo più facile l’estrazione della terra che contiene le radici. Le piantine appena spuntate vanno collocate in un vaso con un terriccio ricco di elementi nutritivi, da mescolare eventualmente con del compost.

>>Leggi anche: Come creare un orto sul balcone<<

Ogni piantina va trapiantata in un singolo contenitore. Se i vasi sono collocati all’aperto, bisogna proteggerli con una piccola serra per evitare pericolosi sbalzi di temperatura. In alternativa si possono avvolgere con una plastica trasparente i vasi che contengono le giovani piante di peperoncino.

Quando fioriscono le piante di peperoncino?

I fiori di peperoncino sono singoli e generalmente hanno un colore bianco. La fioritura è prevista in estate, ma può variare a seconda della specie e delle condizioni climatiche. Alcuni fiori potrebbero cadere prematuramente, ma non c’è da preoccuparsi poiché è una cosa fisiologica.

Se però la caduta è eccessiva o prolungata significa che la pianta sta soffrendo, forse per l’eccessiva esposizione al sole, per una scarsa illuminazione, per la mancanza di irrigazione o per un prolungato ristagno idrico. In questi casi è sufficiente risalire alla fonte del problema ed intervenire di conseguenza.

Maturazione e raccolta del peperoncino in vaso

A cavallo tra l’estate e l’autunno si verifica la maturazione dei peperoncini. In base ai gusti personali la raccolta può essere effettuata quando sono ancora acerbi, oppure dopo la completa maturazione. I peperoncini possono essere consumati subito dopo essere stati raccolti, così da assaporare tutta la loro freschezza, oppure conservati per qualche giorno in frigorifero.

In alternativa i peperoncini possono essere conservati in diversi modi, come l’essiccazione o sott’olio, così da averli sempre a portata di mano per preparare piatti “potenti” e saporiti.

Share.

About Author

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: